EMILIA ROMAGNA, fra turismo culturale e divertimento


L' Emilia-Romagna, patrimonio storico artistico si dispone quasi interamente lungo la romana Via Emilia, itinerario di storia e cultura che da Parma porta a Reggio Emilia, Modena, Bologna facendo tappa a Piacenza, Forlì, Cesena, senza tralasciare città storicamente e culturalmente importanti come Ferrara e Ravenna.

La regione si distende fra il Po e gli Appenini, giungendo fino al Mar Adriatico.
Proprio queste caratteristiche diverse offrono al visitatore paesaggi mozzafiato, oltre che una vasta gamma di attività sia culturali che enograstronomiche, sia storiche che di divertimento e relax.
In Emilia Romagna è possibile scegliere lo spettacolo al quale voler assistere da una lista di numerosissime possibilità.
L’Emilia Romagna è confinante con il terzo paese più piccolo d’Europa, la Repubblica di San Marino.

Parma

PARMA, città dalla lunga storia e simbolo dei salumi di eccellenza

Parma, città famosa per la sua accoglienza deve questa sua peculiare caratteristica all'essere uno degli snodi principali dell’antica Via Emilia.
Città d'arte e cultura, primeggia per la sua gastrobnomia fatta di cibi tradizionali di eccellenza.
Musei, fontane, palazzi e chiese non sono in grado di soddisfare il turista che cerca una esperienza unica.

Piacenza

PIACENZA, tutta da scoprire nei suoi angoli spettacolari

Piacenza è una scoperta, da vedere e da scoprire nel suo insiema, nel quale cultura e tradizione enogastronomica, abbracciano la magia dei borghi storici incontrandosi con antichi manieri.
I vini e i prodotti tipici consumati in un ambiente che rimanda al di là del tempo, magari vicino al Duomo, al Palazzo Gotico, al Palazzo Farnese, sono...una esperienza da non farsi mancare.

Reggio Emilia

REGGIO EMILIA, meta di amanti della cultura e dei buon gustai

Città dove nacque il tricolore, bandiera dell'orgoglio nazionale, merita una visita ai i suoi musei, alle sue chiese e basiliche intrise di storia e arte, le moderne strutture architettoniche che hanno fatto scuola, senza tralasciare i borghi e i piccoli centri della provincia dove gustare piatti e ricette, condivisi con tutta la regione, ai quali non si può rinunciare.

Modena

MODENA, tappa irrinunciabile lungo la Via Emilia

Modena è una città storica, come tutte quelle citate dell'Emilia-Romagna, per cui vale la pena una visita per i suoi monumenti artistici, abbazie, monasteri, santuari, per le sue chiese, pievi e battisteri, per i suoi siti archeologici, per i borghi, i castelli, per le fontane, le logge, le vie storiche.
Senza dimenticare che è sede del museo dedicato a Enzo Ferrari, padre delle 'Super Auto'.

Bologna

BOLOGNA, patrimonio UNESCO dell'umanità

Bologna, non ha bisogno di alcuna presentazione, anch'essa, come molte delle città dell' Emilia Romagna, come quelle prima presentate, deve la sua fama a un insienme di attrazioni uniche al mondo.
La le infinite cose da vedere, citiamo: le due Torri, Garisenza e degli Asinelli, ill Centro storico con le sue chiese e il porticato, il Santuario di San Luca, il Complesso di Santo Stefano, la Basilica di San Petronio, P.zza Maggiore, solo per citarne alcuni. Città magica stretta fra le sue mura concentriche, offre manicaretti locali per i buongustai più raffinati.

Forlì

FORLÌ, perla tutta da scoprire

Forlì, anch'essa città storica, testimoniata dalle significative tracce sia romaniche che rinascimentali.
Città d'arte dunque, ma non solo, merita una visita per i diversi luoghi di interesse fra i quali, in maniera non esaustiva, citiamo: Il Centro Storico dal quale si diramano i quattro Corsi che danno su P.zza Saffi onde si trova la basilica di San Mercuriale, il campanile originale del XII secolo, il Palazzo Comunale, risalente al XIV secolo con la Torre Civica (o dell'Orologio), i quattrocenteschi Palazzo del Podestà e Palazzo Albertini e il novecentesco Palazzo delle Poste.
Degno di nota è anche il barocco forlivese, con la Chiesa del Suffragio e la Chiesa di San Filippo Neri.

Cesena

CESENA'

Fondata dagli Umbri intorno al V secolo a.C, fiorendo in epoca romana.
Da non perdere una gita sul fiume Rubicone, una visita alla Biblioteca Malatestiana (Patrimonio UNESCO dell'umanità), la Rocca Malatestiana e la Riserva Naturale Salina di Cervia.
Non si può inoltre prescindere da una passeggiata lungo le vivaci vie del Centro, dove incontriamo Piazza del Popolo con la sua Fontana Masini, Palazzo del Ridotto, la Cattedrale di S. Giovanni Battista, con la Cappella della Madonna del Popolo e il Museo della Cattedrale, oltre alla Pinacoteca Comunale, al Museo Archeologico ed infine al Museo della Centuriazione.
Senza dimenticare la millenaria Abbazia di Santa Maria del Monte che sorge sul Colle Spaziano

Ferrara

FERRARA, città degli Estensi

Nota per gli edifici rinascimentali della famiglia degli Estensi, signori della città, troviamo il Castello Estense, il Palazzo dei Diamanti con la sua Pinacoteca Nazionale di Ferrara, la Cattedrale di Ferrara con il suo Campanile e il Palazzo Schifanoia.
Il palazzo ospita la Sala delle Virtù.
Il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara offre, oltre a reperti della civiltà etrusca, reperti di epoca romanica.
Rilassante anche una gita in bici lungo le sue storiche mura.
Anche in questo caso i buongustai non rimarranno certo delusi dalle golosità locali.

Ravenna

RAVENNA, città dei mosaici, capitale tardo romana

Ravenna è città colma d'arte e cultura. Città del mosaico, eletta tre volte capitale: dell'Impero Romano d'Occidente, del Regno goto e per ultimo dell'Impero Bizantino in Europa.
La magnificenza di quel periodo ha lasciato una grande eredità di monumenti di cui otto dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco.
Fra le molteplici cose da vedere a Ravenna citiamo: Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Battistero Neoniano, Cappella di S. Andrea, Battistero degli Ariani, Basilica di S. Apollinare Nuovo, Mausoleo di Teodorico, Basilica di S. Apollinare in Classe.

Come raggiungere i luoghi di interesse
Emilia Romagna